Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

ARETHA FRANKLIN, LA REGINA DEL SOUL

Un esordio faticoso

Pensare che un portento come Aretha Franklin abbia faticato a farsi conoscere, sembra incredibile. Eppure la “Regina del soul” ha lottato e sofferto prima di incantare il grande pubblico. Per sei lunghi anni Aretha è stata per le case discografiche una brava cantante, una copia ben riuscita delle grandi voci del gospel. La svolta è avvenuta nel 1967: finalmente Jerry Wexler aveva deciso di puntare su Aretha, una donna forte e malinconica, che a 24 anni era già madre di due figli. A sorprendere sono l’intensità, la grinta e le “esplosioni” interpretative: la sua voce è anche espressione dell’anima, di un corpo che parla e mette a nudo la sofferenza e la rabbia che ha dentro.

Gli alti e bassi della carriera artistica

Dopo anni di attese la ragazzina che cantava e suonava il pianoforte nella piccola chiesa di Detroit, è stata accolta nel grande mondo della musica con l’indimenticabile interpretazione di Respect. Negli anni ’60 Aretha spaziava dal blues al gospel al pop al rock‘n roll, rimanendo sempre in testa alle classifiche e ricevendo anno dopo anno i Grammy Award per essere la “migliore voce femminile rhythm and blues”. Dopo il periodo poco proficuo degli anni ’70, che l’ha momentaneamente allontanata dai riflettori, Aretha è tornata alla ribalta con la sua performance esilarante nel film The Blues Brothers, con i formidabili duetti insieme a gli Eurythmics, George Michael, Elton John e Luciano Pavarotti. Oggi gode del suo meritato e indiscusso successo, il suo nome è un mito che non ha bisogno di presentazioni.

Aretha e il suo diabete

La superdonna non ha mai nascosto ai fan di essere diabetica di tipo 2, anzi ne ha parlato apertamente in alcune interviste: “Ho il diabete da anni, da quando ero seriamente in sovrappeso. Ora, sono tornata alla mia taglia naturale e sono entusiasta per questo”. Dopo aver sospeso il tour per un anno, Aretha è tornata sul palco in forma smagliante: ha perso molti chili grazie alla dieta alimentare e all’attività fisica, ormai due fedeli compagne di vita. “Il cibo può essere influente. Tu puoi tenerlo sotto controllo o lui controllerà te!”.

Ma non basta, Aretha pratica attività fisica almeno 4 volte alla settimana: “Se ne avverto fortemente il bisogno, posso fare camminate anche due volte nello stesso giorno”. Dopo aver perso così tanto chili, le è capitato spesso che alcuni fan non la riconoscessero a prima vista., e solo quando si rendevano conto che era proprio lei, tornavano indietro a chiederle un autografo o una foto!

Il suo diabete è migliorato e lei ha ricompensato se stessa con un nuovo guardaroba.

È possibile convivere con il diabete, basta volerlo con tutte le forze… parola di Aretha Franklin!

You better think, think, think about what you’re trying to do to me/

Yeah, think, think, think, let your mind go, let yourself be free”

Lascia un commento

Testo di sicurezza:*

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra