Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

L'esperto

DOTT. LUIGI CANCIANI
Responsabile Area Prevenzione ed Educazione alla Salute, Società Italiana di Medicina Generale

UNA GLICEMIA CHE SCHIZZA SE...

Domanda

Buongiorno, ho un diabete di tipo 2 diagnosticato nel 2010 casualmente, sebbene alcune sintomatologie precedenti mi hanno fatto ipotizzare di soffrirne da un tempo maggiore. Familiarità della malattia (sempre di tipo 2) da parte materna. In effetti lo curo in maniera molto sui generis, cioè non faccio attività sportiva tranne qualche nuotata in estate, evito grandi abbuffate ma non rinuncio a nulla, escluso lo zucchero nel caffè (uso il dolcificante). Prendo casualmente o se consapevole di glicemia alta (da 180 ad oltre 200) 1 cp di metformina, a volte anche mattina e sera. Ho notato che abolendo completamente l'uso di pane e pasta la glicemia rimane entro dei limiti massimi di 100/110, se mangio insalata, carne, uova non succede nulla, se prendo anche 1 bustina di crackers, quando ho la glicemia bassa, per esempio, dopo un po' mi schizza subito oltre i 120, 130. Se mangio latticini, idem. Da alcuni giorni mangio solo frutta ed insalata e va tutto benissimo,la glicemia addirittura a 90 – 98 -max 105 al mattino appena sveglio. Ieri sera ho mangiato 2 banane, 1 pesca e dell'anguria, non avevo alcun sintomo ma ad un controllo ho riscontrato una glicemia di 232. Perché? Grazie.  P.S. sono seguito dal diabetologo ma lo contatto solo in casi estremi (quindi quasi mai) e per gli esami di routine.

Risposta

Gentile Signore,

stando a quello che scrive, evinco che ha acquisito una grande consapevolezza dell’importanza dell’alimentazione per il controllo della glicemia. A questo punto, le sarà sufficiente consultare una tabella con l’indice glicemico di ogni cibo per capire meglio l’impatto di questo sulla glicemia; e quindi sarà in grado di fare scelte alimentari più corrette.

Peraltro ho l’impressione che lo stesso non valga per il ruolo cruciale che ha per il controllo glicemico l’attività fisica (che non significa una intensa attività sportiva…).

Infine sono certo che lei sa perfettamente come sia importante assumere regolarmente la terapia prescrittale dal Collega a cui è bene rivolgersi in modo regolare e programmato.
Curando questi aspetti sono certo che non tarderanno ad arrivare risultati adeguati e duraturi per il controllo glicemico e per la sua salute.

L'esperto risponde

Hai dubbi, domande, perplessità a cui vorresti dare risposte? Inviale ai nostri esperti, sapranno consigliarti al meglio