Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

L'esperto

DOTT.SSA EMANUELA ZARRA
Dirigente medico presso U.O. Spedali Civili di Brescia

UNA FORTE VARIABILITA' GLICEMICA

Domanda

Sono un malato di BPCO dal 1994 curata con inalazioni clenil- atem-broncovaleas, non sopporto altre molecole. Nel 1999 per diverse bronchiti ho preso tanto mrdrel, da quel momento è iniziato il mio diabete, che per dire il vero non mi ha dato tanti fastidi, curato con Diamicron, fino al 2009 dopo glicazide 1/2 compressa. Successivamente a causa della prostata mi è stato prescritto Ciproxin 500 mg due scatole. Una notte ho avuto difficoltà, mi sono svegliato in un bagno di sudore, ho assunto gli zuccheri, il giorno successivo ho ridotto l'insulina a 8 unità e per qualche giorno tutto bene, in seguito ho ridotto ancora a 3 unità (tutto questo su indicazione del mio medico). Dopo alcune sere a cena non ho preso insulina ma la notte stessa storia, ore 3 preso miele e 4 fette biscottate senza zucchero. Domenica mattina solita colazione. Alle ore 13 ero in giardino al barbecue per fare della carne e sono entrato in crisi, misurato glic. 54, preso zuccheri, dopo ho pranzato con primo secondo frutta e un pezzettino di dolce gl. 225 prima di cena glic. Oggi mentre sto scrivendo ore 17,50 gl. 117: non mi illudo di essere guarito, ma che fare? Grazie della Vostra gentilezza.

Risposta

Gentilissimo,
la situazione che descrive è assolutamente risolvibile, ma abbastanza complessa da affrontare in questo contesto.
Brevemente, lei ha avuto un diabete secondario alla terapia steroidea e per le varie malattie intercorse successivamente, essendo peggiorato il controllo metabolico, è stato necessario iniziare la terapia insulinica.
Vista la variabilità glicemica che descrive e il disagio che ne consegue, le consiglio, appena possibile, di rivolgersi al suo diabetologo di riferimento in modo che attraverso l’analisi dell’autocontrollo, del diario alimentare, delle attività giornaliere svolte, della terapia insulinica somministrata e delle altre terapie si possa modificare correttamente il dosaggio insulinico e migliorare la sua qualità di vita.

L'esperto risponde

Hai dubbi, domande, perplessità a cui vorresti dare risposte? Inviale ai nostri esperti, sapranno consigliarti al meglio