Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

L'esperto

DOTT. GIUSEPPE MARELLI
Responsabile U.O. Diabetologia e Malattie Metaboliche dell’Ospedale di Desio e Vimercate

DIABETE ED EMOGLOBINA GLICATA

Domanda

Buonasera, scrivo perchè ho mio marito diabetico di tipo 2 , ma questa malattia è un vero enigma! Mio marito (diabetico da 10 anni ed ha 54 anni) non è mai stato troppo attento né all’attività fisica né all’alimentazione ma da circa un anno grazie a una ritrovata passione per lo sport è anche attento all’alimentazione. Stranamente però l'emoglobina glicata è salita da 6.9 a 7.1: come è possibile? Il colesterolo però è sceso tantissimo, 119 anche troppo, e il colesterolo buono è sceso anche lui però (21) praticando 3 volte alla settimana piscina e 2 volte tennis! Prende come terapia eucreas mattina e sera e totalip 10 mg la sera. Mi spiace molto proprio ora che fa una vita sana non vorrei si scoraggiasse! Grazie per l'eventuale consiglio.

Risposta

Gentile Signora,

l’aumento della emoglobina glicata da 6,9 a 7,1% non è significativo. Il valore di 7,1% è comunque un valore discreto. In assenza di complicanze secondarie si dovrebbe attendere comunque a un valore più basso.

Per valutare meglio la situazione è opportuno osservare il comportamento delle glicemie nei diversi orari della giornata, specie nel pomeriggio visto che a pranzo non viene assunta alcuna terapia.

Gli effetti dell’attività fisica sono stati evidenti sui parametri lipidici. Nello specifico occorre valutare il colesterolo LDL (quello “cattivo”) che nel caso di suo marito deve essere inferiore a 100 mg/dl.

Incoraggi suo marito a continuare su questa strada, gli effetti positivi si vedranno sicuramente.

L'esperto risponde

Hai dubbi, domande, perplessità a cui vorresti dare risposte? Inviale ai nostri esperti, sapranno consigliarti al meglio