Iniziativa realizzata con il
contributo scientifico di

Con il supporto
incondizionato di

SALUTE MENTALE E DIABETE

Quali sono i disturbi mentali nel diabete

Si stima che ben il 15-20% dei soggetti con il diabete mellito, sia di tipo 1 sia di tipo 2, presenti una sindrome depressiva e si stima che i soggetti con diabete mellito abbiano una probabilità circa doppia, rispetto alla popolazione non diabetica, di sviluppare una sindrome depressiva.

Allo stesso tempo, la depressione può raddoppiare il rischio di diabete di tipo 2.

Cause

Questo sembra essere dovuto ai valori elevati degli ormoni dello stress e all’aumento di peso, in quanto le persone depresse spesso non sono attive.

Poiché il diabete è una condizione cronica con cui convivere tutti i giorni e in tutti i luoghi, per le persone con diabete che devono fare continuamente i conti con il cibo, gli impegni di lavoro e personali, la propria intimità, la qualità di vita peggiora e si genera ansia per il rischio di ipoglicemia o momenti di depressione causati dalla necessitàdi convivere con un disturbo cronico.

Vivere con il diabete, e con tutte le complicazioni che possono accompagnarlo, come i danni agli occhi (retinopatia), ai nervi (neuropatia) e ai reni (nefropatia), aumenta il rischio di depressione.

I diabetici in sovrappeso con episodi depressivi interrompono i programmi per perdere peso molto più spesso dei pazienti che non presentano tali stati mentali alterati.

In ultima analisi, la contemporanea presenza della depressione rappresenta una delle cause principali di insuccesso di qualunque attività di “gestione” della malattia cronica.

Trattamento

Il trattamento di depressione e diabete richiede il controllo, allo stesso tempo, del diabete e dei sintomi della depressione, ma si tratta di trovare la terapia che funziona meglio per ciascuna persona.

Per esempio, si è accertato che in chi soffre di diabete e depressione un’attività fisica regolare migliora l’umore e aiuta anche a controllare la glicemia.

I diabetici possono imparare ad accettare le proprie sofferenze invece di combatterle o disperarsi: l’accettazione emozionale e cognitiva senza altre modifiche della terapia conduce, nel migliore dei casi, a un autentico miglioramento dello stato del metabolismo.

Terapie

Le terapie più efficaci sono quelle che abbinano l’assistenza psicologica e medica, l’educazione al diabete personalizzata e un sostegno da parte della comunità.

Occorre rivolgersi anche al medico o altro operatore sanitario curante, che prenderà in considerazione vari fattori nel proporre il trattamento più adeguato a ogni singolo caso.

Visite regolari e accertamenti continui da parte del medico per verificare che le terapie siano seguite regolarmente e stiano facendo effetto sono una parte importante del processo di mantenimento della salute.

Lascia un commento

Testo di sicurezza:*

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra